Juventus: battibecco tra Cuadrado e i compagni dopo la partita

Il pareggio subito al 90′ contro l’Atletico Madrid ha lasciato l’amaro in bocca a tutti i tifosi bianconeri, che già pregustavano un inizio con il botto nella Champions League 2019/2020. Vincere in casa degli uomini di Simeone, in quello stadio dove quasi nessuno riesce ad ottenere i tre punti ormai da diversi anni, avrebbe rappresentato una spinta emotiva notevole per la truppa di Sarri.

Juve, che beffa a Madrid

La Juventus è andata davvero ad un passo dalla grande impresa, tanto che dopo lo 0-2 firmato Cuadrado-Matuidi tutti immaginavano che la Vecchia Signora sarebbe riuscita a fare bottino pieno.

Invece, esattamente come già accaduto nella seconda giornata di campionato contro il Napoli, la Juve si è fatta rimontare, pagando terribilmente dazio sui calci da fermo (ancora una volta).

Nel big match di Serie A l’autorete di Koulibaly a tempo scaduto ha fatto tirare un sospiro di sollievo in casa Juve; stavolta, invece, l’incredibile azione di Cristiano Ronaldo al terzo minuto di recupero ha lasciato solo l’illusione del gol, con il pallone che è passato a pochi centimetri dal palo della porta dei “colchoneros”.

Cuadrado “accusato”, Bonucci mette tutti a tacere

Tutto sommato anche il 2-2 può essere considerato un buon risultato, che consente alla Juventus di guardare con fiducia al prosieguo del girone e mette i bianconeri in una posizione leggermente favorevole per il raggiungimento del primo posto.

Ma i gol presi non sono andati proprio giù a Sarri, che in conferenza stampa ha detto chiaramente che la squadra deve lavorare sodo per migliorare questo aspetto. Stando a quanto emerso su alcuni siti, sembra che la “zuccata” del piccolo Herrera, che ha consentito all’Atletico Madrid di trovare un insperato pari, abbia provocato qualche maretta anche tra i giocatori, che se la sono presa con Cuadrado per non aver marcato a dovere.

Bonucci è intervenuto subito per sedare gli animi e ai microfoni della stampa ha chiarito che se ci si arrabbia è solo perchè si ha fame di vittorie, e se si prende un gol è colpa di tutti.