Euro 2020: l’Italia va in finale, ma non si fermano le polemiche

Euro 2020 Italia

L’Euro 2020 prosegue bene per l’Italia. Gli Azzurri infatti hanno conquistato la possibilità di andare in finale nei campionati europei. Un’opportunità che è arrivata all’ultimo momento, quando la nostra Nazionale ha sfidato la Spagna ai calci di rigore. Si aprono molte strade per gli Azzurri, che adesso dovranno fare l’ultimo sforzo, per riuscire a conquistare il titolo di campioni d’Europa.

Un’opportunità importante per la Nazionale azzurra

È dal 1968 che l’Italia non riesce a conquistare il titolo continentale. Adesso la squadra nazionale di calcio italiana è riuscita a conquistare la decima finale nella sua storia tra Europei e Mondiali. Gli Azzurri proveranno a conquistare il secondo titolo continentale.

Nel garantirsi questa possibilità il ruolo del portiere Donnarumma, che si è opposto al tiro di Alvaro Morata, è stato fondamentale. Naturalmente a chiudere definitivamente la partita con una vittoria dell’Italia non si deve dimenticare il merito che va attribuito anche a Jorginho.

L’Italia ha saputo sfruttare le carte in tavola, per riuscire a conquistare un’opportunità davvero indimenticabile, che certo entrerà a far parte della storia della Nazionale azzurra.

Le polemiche sui calci di rigore

Tuttavia non si sono arrese nemmeno le polemiche dopo la vittoria dell’Italia. A lanciare qualche parola a questo riguardo è stato il difensore del Barcellona Gerard Piqué. Il noto calciatore su Twitter ha espresso la sua opinione, ritenendo ingiusto il ruolo del sorteggio per decidere chi deve iniziare a calciare nella fase dei rigori.

Piqué ha sostenuto, citando dati relativi alla statistica e facendo riferimento a degli economisti sperimentali spagnoli, che la prima squadra che di solito ha la possibilità di vincere il lancio della monetina sia quella che poi riesce a conquistare la vittoria nel 60% dei casi.