Ciclismo: Milano-Sanremo e Giro d’Italia a rischio per il coronavirus?

C’è una certa preoccupazione per la diffusione del nuovo coronavirus in Italia. La situazione è in costante evoluzione e diversi sono i blocchi decisi soprattutto nel Nord del nostro Paese per evitare una diffusione ancora più estesa del virus. A risentirne è anche lo sport, con delle modifiche ai calendari che sono state effettuate di recente, anche per quanto riguarda le partite di calcio già previste. La diffusione del virus potrebbe avere anche degli effetti sul ciclismo. La preoccupazione è infatti soprattutto, almeno per il momento, per la Milano-Sanremo.

Si segue l’evolversi della situazione

A parlare della situazione è Mauro Vegni, direttore di Rcs Sport, che effettua l’organizzazione proprio della gara ciclistica in questione, oltre che del Giro d’Italia. Sulla Milano-Sanremo al momento non si hanno delle comunicazioni, come ha spiegato Vegni, ma si sta seguendo come si evolve la situazione nel nostro Paese.

Vegni ha spiegato che c’è ancora tempo per decidere, ma, se dovesse andare avanti in questo modo il blocco, la gara potrebbe anche essere annullata, visto che non ci sarebbe a disposizione un piano B. Il direttore di Rcs Sport ha spiegato che la preoccupazione è ovviamente rivolta nei confronti degli italiani.

Preoccupazione anche per il Giro d’Italia?

Mauro Vegni, che ha riferito queste dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport, ha parlato anche del Giro d’Italia, che è in programma dal 9 al 31 maggio. Vegni ha spiegato che spera che in quel periodo tutto sia tornato alla normalità. In caso contrario, secondo le parole del direttore di Rcs Sport, si sarebbe in presenza di un “evento eccezionale”.